HOME-Web TV

HOME-Web TV

HOME

Ben venuti nella nostra web-TV
Sei un'associazione sportiva?
Vuoi aumentare la visibilità del tuo evento sportivo?
Vuoi mantenere i tuoi fan?
Vuoi aumentare la popolarità della tua squadra?
con noi è ora possibile chiamaci allo +39 3917037044
o scrivici un e'mail a info@hpvstreaming.live

Cos’è il Live Streaming?

In informatica il termine streaming, come dice il termine stesso, indica un flusso di dati che contiene informazioni audio e video che vengono trasmessi da una sorgente e tramite una rete telematica giungono a uno o più destinatari. Tutto ciò avviene senza la necessità di aspettare che le informazioni siano state completamente scaricate. In questo modo i dati appartenenti al contenuto in questione verranno automaticamente riprodotti mano a mano che questi arriveranno sul dispositivo di destinazione. Lo sviluppo di questa tecnologia esplode all’inizio degli anni ’90 quando, attraverso la sempre più diffusa commercializzazione di Internet, si consolida la garanzia di una banda sufficientemente grande per la trasmissione e la continua evoluzione dei dispositivi hardware. Esistono due tipi di streaming Streaming on demand: tutti i contenuti audiovisivi che è possibile richiedere si trovano già pronti all’uso, sotto forma di file compressi, su un particolare computer predisposto a soddisfare le richieste che mano a mano vengono fatte dagli utenti. In questo caso, quando un utente richiede un determinato file audio e/o video, questo, una volta giunto a destinazione, viene subito decompresso da un appropriato programma o dispositivo, il quale provvede immediatamente a riprodurre le informazioni contenute nel file richiesto; Streaming live: si può dire che questo è molto simile alle tradizionali trasmissioni radiotelevisive. In questo caso i dati vengono trasmessi utilizzando una o più appropriate tecniche di compressione, in maniera tale da alleggerire il più possibile il carico sulla rete utilizzata per la trasmissione delle informazioni necessarie. L’utilizzo di queste particolari tecniche di compressione a volte comporta un leggero ritardo, dell’ordine di una decina di secondi, nella trasmissione del flusso di informzioni.a


La comunicazione

Broadcasting



Broadcasting: modalità di trasmissione di segnali audio/video da un emittente ad una molteplicità di riceventi attraverso sistemi di comunicazione terrestri o satellitari. Nell’ambito del marketing, il termine broadcasting viene usato per indicare le forme di comunicazione a “diffusione larga”, che si rivolgono ad un pubblico di massa, e distinguerle da quelle a “diffusione mirata” (narrowcasting), indirizzate a settori particolari di pubblico.

La comunicazione broadcasting permette di raggiungere un pubblico molto vasto ma non consente la personalizzazione del messaggio. Si tratta, infatti, di una comunicazione unidirezionale rivolta ad un’audience passiva e indifferenziata; il mass marketingne è la tipica forma. Al contrario, il narrowcasting permette al destinatario del messaggio di interagire con la fonte di emissione della comunicazione. Si basa sul narrowcasting il direct marketing, che fa della comunicazione one-tu-one, contrapposta a quella di massa (one-to-mony), il suo punto qualificante.

Per comprendere appieno il modello di comunicazione broadcasting occorre inquadrarlo nel contesto specifico in cui è maturato. Prima di Internet, l’approccio al mercato dell’impresa era incentrato su strategie di tipo push, dettate da una logica di comunicazione di tipo broadcasting, basata sul modello one-to-many, proprio della comunicazione di massa. La funzione attribuita al marketingin tale contesto era, in sostanza, quella di intercettare il consumatore durante il processo di acquisto, attraverso i principali mezzi di comunicazione (televisione, radio, stampa, affissione), al fine di indirizzarlo verso la scelta di un prodotto specifico.

Questo tradizionale modello di comunicazioneè stato superato dall’avvento delle nuove tecnologie e dalla diffusione di Internet che hanno modificato radicalmente sia il comportamento di acquisto del consumatore sia il modo in cui le aziende fanno business. Con l’avvento della Rete e, in particolar modo, del Web 2.0 il consumatore non è più fruitore passivo ma attore attivo e interattivo nel processo d’acquisto, in grado di influenzare le decisioni di acquisto anche di altri consumatori. Di conseguenza, quanto più si consolida il broadcasting, tanto più le imprese sentono il bisogno di creare i messaggi personalizzati, fatti a misura del loro interlocutori. Nasce così ilnarrowcasting, ossia la comunicazione a diffusione stretta, che consente alle imprese d’interagire in modo personalizzato con il cliente e che, per tale motivo, risulta essere più efficace nell’attirare l’attenzione del pubblico rispetto alla classica attività di tipo broadcasting.

Copyright © 2021. www.www.frametv.it .